Latch, la serratura smart con videocamera integrata

Si chiama Latch, è un prodotto commerciale, anche se al momento disponibile solo negli Stati Uniti, ma promette di essere il futuro delle serrature per come siamo stati abituati ad intenderle fino ad oggi. Il concept di base su cui è nato Latch è molto semplice, ovvero quello di dare la possibilità di controllare da remoto le serrature di casa, non solo quella dell’entrata principale ma anche quelle di tutte le porte della nostra abitazione.

Ciascuna serratura Latch è connessa ad internet via wifi e quindi perfettamente comandabile da remoto dal proprietario di casa che proprio grazie al controllo remoto ha la possibilità di aprire una singola porta (o viceversa tenerla chiusa) anche quando si è fuori casa, avere il controllo di chi entra e chi esce (grazie alla videocamera integrata) e di quante volte la porta viene aperta o chiusa. Latch permette anche di fornire, magari ai propri amici o alla propria donna di servizio, una chiave virtuale temporanea per aprire la porta.

Chiavi vecchie e chiavi moderne

Per aprire le porte protette dalle nuove serratura Latch l’utente ha due possibilità. La prima, alla vecchia maniera, è quella di utilizzare una classica chiave visto che Latch è comunque dotata al suo interno anche di una serratura tradizionale; in alternativa (per chi non è possesso delle chiavi) basterà avvicinare uno smartphone (con sopra l’app Latch “up & running”) per comunicare con la serratura smart e chiederle gentilmente di aprirci.

A quando in Italia?

Non è ancora chiaro quando le serrature Latch potranno essere acquistate in Italia. Sono infatti in distribuzione solo in alcuni lussuosi appartamenti di New York. Questo dato ci porta poi ad una seconda considerazione che è quella sul prezzo: un po’ per il design “stiloso” (e non è un caso visto che il gran capo di Latch arriva da Apple), un po’ per la tanta tecnologia integrata non dobbiamo certo aspettarci prezzi popolari. Dai mille in su…