Particle Electron: modem 3G, Usim e Cloud finalmente integrati per l’IoT

Quando si parla di Internet of Things non si dovrebbe mai prescindere dal fatto che ci si sta riferendo a device che siano “sempre e comunque” in grado di comunicare. Ora, mentre nel corto raggio tale comunicazione può avvenire secondo diversi protocolli quali il Wifi, piuttosto che ZigBee, Z-Wave o Bluetooth, quando si parla di ambiti in cui tali forme di connettività non sono supportabili il discorso si complica; pensiamo ad esempio all’ambito del M2M in cui si ha bisogno di connettere sensori presenti in zone molto ampie e spesso all’aperto, o pensiamo anche a quegli ambienti domestici (vedi ad esempio la seconda casa, quella delle vacanze) in cui non è possibile presumere la presenza di Hub o Router in grado di supportare i protocolli di corto raggio prima elencati.

La soluzione di Particle Electron

La Particle prova a dare una risposta in tal senso proponendo il primo modulo “all in one” per la connettività nell’Internet of Things. In pratica si tratta di un pacchetto completo unico nel suo genere, che comprende un modem 3G utilizzabile per sviluppo hardware (o in alternativa un più economico modulo 2G), un ambiente di sviluppo, un cloud ed anche una Usim integrata con un piano tariffario a costo costante in oltre 100 Paesi in tutto il mondo.

Grazie ad Electron chi progetta dispositivi di IoT che necessitano di una connettività dati autonoma non deve più preoccuparsi di curare in proprio lo sviluppo del cloud piuttosto che la scelta dell’operatore mobile più giusto; la Particle si propone infatti come un MVNO, ossia come un operatore virtuale proprio per dispositivi IoT ed è in grado di assicurare la connettività dati ad un costo fissato in partenza anche in roaming in cente diverse nazioni (in Italia il roaming partner scelto è stato Wind).

La differenza rispetto a Raspberry

Alla luce di questi primi dati su Electron sarebbe logico chiedersi: perchè preferirlo rispetto ad altri dispositivi open source come Raspberry che, mediante opportuni moduli esterni, sono comunque in grado di supportare connettività 2G e 3G? La risposta è nell’integrazione. Di fatto l’elemento differenziante di Electron sta proprio nella sua capacità di fornire una risposta unica a diverse necessità, quella hardware in primis ma anche alle altrettanto importanti tematiche della connettività e del cloud che devono necessariamente essere considerate da chi sviluppa prodotti IoT Mass Market.

I costi di Particle Electron

Attualmente la soluzione Particle Electron è disponibile solo in pre-ordine sul sito particle.io. I costi medi da consinderare sono di circa 59 euro per il modulo 3G e poi di circa 3 euro al mese per un megabyte di traffico dati incluso, e di un ulteriore euro per ogni megabyte in più.